Home » Varie ed eventuali, Videogiochi

Con l’occhio degli otto bit

25 08 2010 Nessun Commento Scritto da:

Oggi meditavo su come cambia la percezione delle cose con il passare degli anni. Da piccolo sono sempre stato affascinato dai videogiochi, in particolare da quelli che c’erano in sala giochi: questi erano sempre un passo avanti alla controparte casalinga, almeno fino all’era dei 64 bit.

Il voler sempre tendere a quella qualità non mi ha fatto apprezzare, da piccolo, l’arte vera e propria che si celava dietro alla grafica dei giochi per il commodore 64, lo spectrum o il NES. Riguardandolo adesso è incredibile quello che gli artisti (che nel 90% dei casi erano anche i programmatori) riuscivano a ricreare con quei pochi pixel a disposizione. Adesso che ho superato i trenta anni e che vivo nell’era della grafica 3d al limiti del fotorealismo lo posso dire: molto meglio gli anni degli 8 bit, con la grafica pixellosa che potevamo arrotondare solo con la nostra fantasia.

Articoli correlati:

F1 Manager (1989 - Simulmondo)
Quando ero un imberbe ragazzin...
Ghostbusters (Activision - 1984)
Nel 1984 Mentre il film è anco...
Nuova donazione per il museo
Andrea da Portogruaro mi ha i...

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o un trackback dal tuo sito o blog. Puoi anche sottoscrivere questi commenti via RSS.

Sii gentile. Niente volgarità. Resta in argomento. No spam.

Puoi utilizzare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Questo Blog supporta i Gravatar! Per ottenere il tuo gravatar registrati gratuitamente su Gravatar.

Subscribe to comments on this post

SprinTrade - Come guadagnare soldi con l'affiliazione